Elogio della Gentilezza

Dario Pettenon Libri, Relazioni Leave a Comment

Autori: Adam Phillips, Barbara Taylor

Edizione: Ponte alle Grazie

Un suggerimento per le letture estive, periodo in cui si riesce magari a trovare la disponibilità d’animo per affrontare anche la saggistica. Questo libro potrebbe rappresentare una bella occasione per riflettere intorno a un “atteggiamento” tanto frinteso quanto prezioso. Cosa significa “essere gentili”? Qual’è la differenza fra gentilezza, remissività passiva e ruffianeria? Nell’epoca in cui sembra trionfare l’antico motto “homo homini lupus”, può forse valer la pena prendere in considerazione ipotesi alternative…

Dalla quarta di copertina: “Questo libro è l’elogio di un valore sommesso e discreto, declinabile in varie maniere: la gentilezza, quella capacità di ascoltare e accogliere le fragilità altrui, che è anche generosità, altruismo, solidarietà, amorevolezza. L’intento non è nè moralistico nè edificante: la gentilezza è semplicemente uno dei modi migliori per essere felici, è un piacere fondamentale per il nostro benessere. La domanda che muove l’indagine è la seguente: perché la gentilezza è diventata per la nostra epoca un tabù? Oggi molte persone trovano questo piacere incredibile o quantomeno sospetto, la maggior parte di noi pensa che in fondo siamo tutti pazzi, cattivi e pericolosi, competitivi e autoreferenziali. Scritto da una storica e da uno psicanalista, questo libro cerca di rispondere alla domanda e affianca al confronto con la psicanalisi una dettagliata ricostruzione storica, che va dalla grecità ai nostri giorni, del tema della gentilezza, come valore irrinunciabile della vita buona. Mostra quando e perché tale fiducia si è dissolta, e spiega le conseguenze di una simile trasformazione.”

LEGGI ARTICOLO (scritto dagli autori del libro, pubblicato sull’Internazionale)

LEGGI ARTICOLO (di Michela Marzano, su Repubblica.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *